RUNDON, di Giamba Mortarino

Rundon

Illustrazione di Eugenio Bausola

 

I rondoni entro la fine di luglio sono già scomparsi dai nostri cieli più che mai caldi ed assolati.

Presi dall’antico istinto migratorio se ne vanno ad inizio estate come se l’inverno fosse imminente.

 

 

Rundón 

La fin ad giügn

agh ha giumò

i culur dl’aftüm

par i rundón.

 

Un tampural ad la matinä

l’è cumè la scarnèbiä

int i stubi di ris;

l’è un sù ch’al calä pröst.

 

Des o dùdäs amsur négär

i tàjän a’ s-ciàsäm dla bassurä:

àl e cör i frìsgiän

süj santé dla ment,

vèrs meridión.

 

Par lur l’ariä

agh ha l’udù dal vent

e ’l falcöt

ch’agh musträ i ungg

as ciamä lüj.

 

Rondoni 

La fine di giugno

ha già

i colori dell’autunno

per i rondoni.

 

Un temporale del mattino

è come la bruma

nelle stoppie delle risaie;

è un sole che cala presto.

 

Dieci o dodici falci nere

tagliano l’afa del pomeriggio:

ali e cuori sono impazienti

sui sentieri della mente,

verso meridione.

 

Per loro l’aria

ha l’odore del vento

ed il falco

che gli mostra gli artigli

si chiama luglio.

Ti potrebbe interessare...