MAMÄ, MADREGNÄ, di Giamba Mortarino

MAMMA, MATRIGNAIllustrazione di Eugenio Bausola

 

La Natura sa essere meravigliosa o terribile; tutti ne siamo parte, anche ignorandola; gioca con l’evoluzione; spesso è cruda ma non può essere definita buona o cattiva.  Ha leggi di valore assoluto.

MAMÄ, MADREGNÄ

La giögä

e la pèrdä mai.

La puciä i pé

int i rusg

e la fà balé

la vègiä.

At gnorgnä

e at fà rasté ’ncantà,

ta strüssiä

e ta strüsä drerä.

Di volt sa scorä

a brascet sǜ.

At cünä

e at fà dé sǜ i tramón.

A sa scundä

e la fà bugiolä.

La mascognä[1]

i “nüm” e i “lur”,

la trusä i temp e i sit,

a ta scunfundä.

Agh ha i ungg insanguanà,

l’è mamä

e l’è madregnä.

La giögä “par dabón”

’mè ch’a fà i fiulin;

la giögä

e la pèrdä mai.

MAMMA, MATRIGNA

Gioca

e non perde mai.

Immerge i piedi

nelle rogge

e fa tremare

l’aria in un miraggio.

Ti annoia

e ti incanta,

ti presta soverchie attenzioni

e ti trascina con sé.

A volte si strema

ad abbracciarti.

Ti culla

e ti fa sobbalzare di paura.

Si nasconde

e fa capolino.

Imbroglia furtiva

i “noi” e i “loro”,

mescola i tempi e i luoghi,

ti confonde.

Ha le unghie insanguinate,

è mamma

ed è matrigna.

Gioca “per davvero”

come fanno i bimbi;

gioca

e non perde mai.

 

 

Ti potrebbe interessare...