CUMPAGN AD VIAGG, di Giamba Mortarino

Cumpagn ad viagg

Illustrazione di Eugenio Bausola

 

Dedicata a tutti coloro che amano la propria terra, a tutti coloro che non hanno dimenticato le proprie radici.

 

 Cumpagn ad viagg

 

Custä l’è na tèrä

dù ch’as vögä incurä

i p-scianà e i caresg di Cèlti

e, int i rusg,

i passón d’unisciä ad Leonardo.

 

Duä che i fiüm,

s’igh hön l’aquä tulbrä,

i hin bón da vess a-scargnard

insèmä i òmän

ch’i vörän rubegh la fantasìä.

 

I fiüm ch’i la silòriän

i hin miss innà i vit trabülà di temp indré

quènd che süj so riv a ’rmuevä

e a mustrevä i dencc

besti che dèss igh i-hin pü.

 

I so guà e l’aquä incurä cèrä

i j’hön druvà suldà, piligrin e caminènt;

l’hön bivǜ cavà südà,

ch’i gnévän da chissà ’nduä.

 

Quènd ch’i sum satà s’na rivä

e un sciuitón al chèntä la lünä

o al sù al guardä indré, invèr’ sirötä,

i sentä i mè cumpagn ad viagg

 

ch’i fön crané sutä i pé i frasch söch,

ch’is riciàmän süj salzin,

ch’i vòlän a pel d’aquä

o ch’i nòvän dü mètär sutä

 

e i capissä ch’i sum no daparmì

a bev l’aquä, a rispiré l’ariä

e a fé crané sutä i pé i frasch söch

da sta mè tèrä

sémpär püssè strenciä.

 

 

Compagni di viaggio

 

Questa è una terra

dove si vedono ancora

le impronte ed i solchi dei Celti

e, nelle rogge,

i paloni di ontano di Leonardo.

 

Dove i fiumi,

se hanno l’acqua torbida,

sono capaci di essere burberi

con gli uomini

che vogliono rubargli la fantasia.

 

I fiumi che la arano

hanno ritirato le vite tribolate dei tempi passati

quando sulle loro rive ruminavano

e mostravano i denti

animali che adesso non ci sono più.

 

I loro guadi e l’acqua ancora chiara

li hanno usati soldati, pellegrini e camminanti;

l’hanno bevuta cavalli sudati,

che venivano da chissà dove.

 

Quando sono seduto su una riva

ed un gufo canta la luna

o il sole guarda indietro, verso prima sera,

sento i miei compagni di viaggio

 

che fanno crocchiare sotto i piedi le foglie secche,

che si richiamano sui salici,

che volano a pelo d’acqua

o che nuotano due metri sotto

 

e capisco che non sono solo

a bere l’acqua, a respirare l’aria

e a far crocchiare sotto i piedi le foglie secche

di questa mia terra

sempre più stretta.

 

 

Ti potrebbe interessare...